Benvenuti nel mio piccolo paese: girate
tranquillamente per le vie, entrate nei suoi negozi, assaggiate i suoi prodotti,
sarete accolti con gentilezza e cordialità

domenica 2 gennaio 2011

Si continua in delegazione....








Questo mio primo blog, molto imperfetto ma molto "sentito" è giusto al capolinea, ma non per mia volontà
Durante la sua vita la piattaforma Splinder su cui si appoggiava decise di chiudere i battenti. Tra l'altro avevo quasi finito lo spazio gratuito a disposizione e se avessi voluto continuare a postare avrei dovuto acquistarlo.

Così aprii un secondo blog sulla piattaforma Blogger, blog tuttora in uso e in divenire e piano piano ricopiai questo blog sempre su Blogger..
IL mio secondo blog è la naturale continuazione di questo e, in linea con la tematica ho deciso di chiamarlo Bontalandia 2 - la delegazione
lo potete trovare qui  http://bontalandia2.blogspot.it/

Questo blog è ancora incompleto nelle parti fotografiche perchè durante la trasmigrazione qualcosa andò storto e molte foto non vennero caricate
Sto cercando nei miei archivi e le sto ricaricando, ma non è un compito facile perchè molte ricette sono di diversi anni fa ..
Spero di ripristinare presto il blog nella sua forma originaria, rifacendo le ricette con le foto mancanti
Vi saluto con affetto e vi aspetto in Delegazione per continuare il nostro cammino nel mondo meraviglioso dell'arte culinaria ...
;Mariavittoria o se preferite Fru_fru

martedì 28 dicembre 2010

le mie tavoledi Natale 2010

in attesa di postare i menu completi
metto i miei impegnativi preparativi per la vigilia e per la giornata di Natale
ho preparato una tavola di ispirazione scandinava seguendo i consigli di una nota maestra del'arte del ricevere, Caterina Reviglio


Lei usava i piatti dell'anno danesi che sono bellissimi come piatti per l'antipasto, ma io avendone solo 2 ho optato per una tavola sui toni dell'azzurro in via generica
il menu ha seguito codesta linea e ho servito
smoerrebroed
cioè crostini di pane molto noti in Danimarca


pane di segale, cracker di riso (mia nuora si ès coperta intollerante alla farina di grano e al lattosio da poco) con glavard lax (o gravlax) salmone fresco marinato con sale e aromi vari e salmone affumicato


stelline di farina di orzo, ripiene di merluzzo e patate con salsa di panna di soia e gamberi
spigola ripiena di funghi cotta al forno

professorn glogg, un punch molto caldo e alcolico e aromatizzato con spezie e frutta secca che si serve in Danimarca tradizionalmente coi dessert di Natale

torrone al cioccolato e biscotti al burro danesi (solo per noi

crema di mandorle con macedonia di stagione


frutta secca e marron glaces


qui la tavola del giorno di Natale






questo è stato il piatto forte: un cosciotto di maialino di latte al forno a l mirto secondo al tradizione sarda

lunedì 27 dicembre 2010

Maialino arrosto al mirto

è stato il piatto forte della mia colazione di natale
servito con un cannonau del 2008 ha fatto la sua spendida figura
secondo la tradizione l'ho servito su un pezzo di sughero (non possedendo il vassoio tradizionale) rivestito di rametti di mirto
e ho ricevuto applausi e consensi

ricetta sarda di una utente del sito bimby

ingredienti per 12 persone
un maialino intero da latte (se è per meno persone se ne può prendere metà)
rametti di mirto fresco
liquore di mirto q.b.
mezzo spicchio d’aglio
rosmarino, olio evo, sale e pepe bianco

si trita l'aglio con abbondante rosmarino e si farcisce e si sfrega il maialino con un composto di sale pepe e il trito, mettendo dentro il pancino i rametti di mirto



si unge la leccarda del forno con olio e ci si deposita il maialino, infornando in forno già caldo a 180°C per circa due ore.Dopo la prima mezz'ora si bagna col liquore e si fa evaporare
E' pronto quando la carne rimane morbida e la cotenna diventa croccante.





è meraviglioso
scioglievolissimo e saporitissimo







 

Patate arrosto natalizie

le ho servite come contorno al maialino
fatte così rimangono morbidissime dentro e croccanti fuori, inoltre si sente benissimo il sapore del burro

ricetta degli USA segue una lunga procedura

ingredienti per 6 persone
1 kg di patate farinose grosse
30 g burro sale

si tagliano le patate sbucciate a metà e poi a pezzi più piccoli si mettono in acqua bollente salata e si porta di nuovo ad ebollizione cuocendo per 4 minuti esatti
si tolgono con la paletta si mettono in uno scolapasta e solo dopo in un canovaccio ad asciugare
si fonde il burro in padella e si versano le patate facendole rosolare saltandole per 4 minuti esatti in modo che si ungano di burro uniformemente

adesso si mettono in teglia antiaderente in forno a 180°C per 50 minuti
devono diventare dorate
in questo modo sono croccanti fuori e morbide dentro

Professorn glogg

bevanda della tradizione natalizia danese che accompagna i diversi dessert
è un punch tradizionale

ingredienti

2 litri di vino rosso secco
2 litri di vino moscato
mezzo litro di vermouth dolce
2 cucchiai di angostura
2 tazze di uvetta secca
1 scorza dia rancia
12 grani di cardamomo schiacciati
10 chiodi di garofano
1 pezzetto di zenzero fresco
1 bastoncino di cannella
3 dl di acquavite
250 g zucchero
2 tazze di mandorle spellate

in grande recipiente riunire tutti gli ingredienti nell'ordine di apparizione fino al bastoncino di cannella; coprire e lasciar riposare per almeno 12 ore
poco prima di servire aggiungere l'acquavite e lo zucchero e mescolare accuratamente portando sul fuoco per avere una ebollizione rapida
togliere dal fuoco versare in una coppa aggiungere le mandorle e servire bollente


Gravlax

specialità svedese di salmone crudo marinato con sale e zucchero

ingredienti per 10 persone

1 filetto di salmone con la pelle di circa un chilo
4 cucchiai di sale marino grosso
3 cucchiai di zucchero cristallizzato
1,5 cucchiai di aneto tritato
2 cucchiai di pepe nero schiacciato
2 cucchiai di foglie di tè darjeeling
2 cucchiai di vodka (facoltativo)
buccia grattugiata di un limone grosso

tritare finemente la buccia di limone e mescolarla a tutti gli altri ingredienti
mettere metà del composto in una teglia foderata con una mussola sottile
005006

007008adagiare il salmone con la pelle a contatto del trito e rivestirlo col rimanente trito, premendo molto bene per farlo aderire, coprire con la mussola che avanza e mettere in frigo con un peso sopra
009013
tenete in frigo per almeno 48 ore girandolo ogni 12


a questo punto liberate il pesce dalla mussola e lavatelo molto velocemente sotto l'acqua corrente per liberarlo dalla crosta




002asciugatelo con carta da cucina

mettetelo su un tagliere con la pelle in basso e affettatelo diagonalmente come fosse salmone affumicato


Terrina di pasta al ragù con vellutata di porcini

ingredienti per 6 persone
per la pasta
250 g di lasagne fresche
250 g di carne macinata
100 g di carne di maiale macinata
carota cipolla sedano
150 ml di altte
100 g concetrato di pomodoro in tubetto
3 cucchiai colmi di parmigiano grattugiato
150 g di panna fresca
olio, burro zucchero e sale

per la vellutata:
300 g di funghi porcini (anche surgelati)
50 g di burro
1 cucchiAIONE DI FARINA
mezzo litro di brodo vegetale
scalogno, prezzemolo, sale

tritate i sapori e fateli rosolare con 40 g di burro e un filo di olio (così il burro non brucia), unite le carni rosolate per 5 minuti poi mettete 100 ml di acqua e fate evaporare, unite adesso il latte e fate andare a fuoco medio 10 minuti in modo da assorbire il latte;



 unite adesso una puntina di zucchero, 250 ml di acqua calda in cui avete diluito il concentrato e fate cuocere a bassa fiamma per 3 ore, all'ultimo 30 g burro e aggiustate di sale

lessate le lasagne in acqua bollente salata e poi stendetele su un telo (se possibile non passatele prima nell'acqua fredda.. secondo me le slava troppo)
mettete in una pirofila di 25x11 cm (tipo da plumcake) un bel foglio di carta da forno strizzato e foderate pareti e fondo con le lasagne




mettete 2 cucchiaioni di ragù, poi pasta, panna parmigiano burro, poi poi pasta ragu poi pasta panna parmigiano burro e così via fino a finire con le lasagne
chiudere con carta forno e sigillare


adesso la vellutata
i funghi vanno tagliati a tocchetti tritiamo lo scalogno e facciamolo imbiondire col burro, poi i funghi, sale e facciamo insaporire,

abbassiamo al fiamma e facciamo cuocere per 10 minuti, uniamo al farina a pioggia e il brodo caldo a filo sempre mescolando se no attacca



frulliamo col mixer ad immersione e aggiungiamo il prezzemolo tritato

cuocere a questo punto la terrina di lasagne in forno già caldo a 180°C per 30 40 minuti al massimo, capovolgere il tutto quando è diventato tiepido non prima e sformare






servire la terrina a fette con vellutata di porcini accanto con un nebbiolo d'alba
560 cal a porzione